Focus on obesità e DT2

In collaboration with In collaboration with Desg

Il rapporto peptide C/glucosio come marcatore della secrezione insulinica predice il futuro trattamento con insulina e il compenso glicemico nelle persone con diabete tipo 2 di recente insorgenza

Presentato da: Reiner Jumpertz von Schwartzenberg*, MD, et al.
Institute of Diabetes Research and Metabolic Diseases (IDM) Helmholtz Center Munich, Tübingen, Germany

Sinossi

Il rapporto peptide C/glucosio a digiuno, stato valutato come marcatore della secrezione endogena d’insulina, può predire il futuro trattamento con insulina e il compenso glicemico nei pazienti con diabete tipo 2 di recente insorgenza.

Messaggi chiave

  • Questo studio ha valutato il rapporto CGR come indicatore della secrezione endogena d’insulina e la predizione del futuro trattamento insulinico e compenso glicemico per migliorare il processo decisionale clinico.
  • Il CGR a digiuno è un buon indicatore della funzione secretoria dell’insulina ed è collegato al futuro trattamento con insulina.
  • Il CGR viene proposto come indice facilmente calcolabile per assistere al processo decisionale clinico sulla terapia insulinica nelle persone DT2.

Background

Cosa sappiamo sull’argomento?

  • Dopo la diagnosi di diabete tipo 2 (DT2), la decisione clinica sulla necessità del trattamento insulinico si basa sulla valutazione del medico di medicina generale.
  • La decisione di non utilizzare l’insulina nei pazienti insulinopenici induce un aumento del rischio di episodi iperglicemici, mentre un trattamento insulinico in presenza di iperinsulinemia può comportare un aumento ponderale e un aumento dell’insulino-resistenza1.

Come è stato condotto questo studio?

  • Lo studio ha incluso 833 individui con DT2 di recente insorgenza (<1 anno): rapporto peptide C/glucosio a digiuno (CGR, C-peptide to glucose ratio) 9,5 ± 4,6; BMI 31,5 ± 6,1 kg/m2; età 53,8 ± 9,9 anni; HbA1c 6,4 ± 0,9%.
  • Sono stati utilizzati il test di tolleranza al glucosio per via endovenosa (IVGTT, intravenous glucose tolerance) e il test del glucagone per valutare la secrezione insulinica e per convalidare il CGR a digiuno.
  • Il peptide C è stato misurato utilizzando il sistema di dosaggio immunologico Immulite® 2000; l’HOMA-B è stato calcolato dal plasma a digiuno.
  • L’indice di Youden, le curve ROC e i modelli di regressione di Cox sono stati utilizzati per prevedere il futuro trattamento con insulina.
  • Sono stati utilizzati modelli di regressione logistica per prevedere la futura glicemia corretta per età, BMI e trattamento insulinico.

Risultati

Cosa ci dice questo studio?

  • Il CGR era fortemente associato all’HOMA-B e alla secrezione insulinica sia durante la prima fase, che la seconda e il test del glucagone.
  • Un CGR >6,2 ha identificato individui senza trattamento con insulina nei successivi 4 anni con una specificità del 76%.
  • Il CGR al basale era un predittore indipendente e addirittura migliore della futura HbA1c rispetto alla decisione di terapia con insulina.

Conclusioni e prospettive

Quali le implicazioni di questo studio sulla pratica clinica?

  • Il CGR a digiuno è un buon indicatore della secrezione endogena d’insulina ed è correlato al futuro trattamento con insulina.
  • Inoltre, è un predittore della glicemia futura indipendentemente dalla terapia insulinica di per sé.
  • GLI autori propongono il CGR come indice facilmente calcolabile per assistere il processo decisionale clinico per l’avvio della terapia insulinica nelle persone con DT2.

Bibliografia di riferimento

  1. Davies MJ, Aroda VR, Collins BS, et al. Management of Hyperglycemia in Type 2 Diabetes, 2022. A Consensus Report by the American Diabetes Association (ADA) and the European Association for the Study of Diabetes (EASD). Diabetes Care. 2022;45(11):2753-86.

Report

Effetto dell’acido acetilsalicilico a basso dosaggio sul diabete incidente negli anziani: analisi post hoc dello studio randomizzato e controllato con placebo ASPREE
Sophia Zoungas*, MD, et al.
School of Public Health and Preventive Medicine Monash University, Melbourne, Australia